fbpx

Il mio account

Da qui puoi gestire il tuo account già creato oppure crearne uno nuovo.

Seguici su:

facebook instagram twitter

PELLE E ALIMENTAZIONE: L’ERA DELLA NUTRACEUTICA

alimentazione e pelle

La salute della pelle è strettamente collegata con l’alimentazione, “Noi siamo quello che mangiamo” cita il filosofo Feuerbach nel suo saggio.

L’intestino è il nostro secondo cervello, collegato con tutti gli altri organi. Se funziona bene il corpo è in salute e la pelle sana e luminosa. Ma cosa significa funziona bene? L’ intestino è popolato da 500 specie di forme microbiche che costituiscono la flora batterica intestinale. I batteri “buoni” aderiscono agli enterociti formando la mucosa intestinale e in questo modo impediscono che tossine e microbi entrino in circolo nel corpo. In caso di Disbiosi, ovvero di un’alterazione della flora batterica, le tossine riescono a fuoriuscire arrivando in tutti gli organi. Uno stile di vita non regolare, junk food, antibiotici possono causare questo disturbo.

La Disbiosi può causare quindi infiammazioni che portano a malattie tra cui tumori, danni al sistema immunitario, infezioni, malattie degenerative e anche problemi alla pelle come acne, psoriasi e dermatite atopica.

Per avere una pelle bella e sana è fondamentale quindi curare il microbiota intestinale partendo da ciò che mangiamo integrando la normale dieta con fermenti lattici, probiotici e prebiotici, per via orale e topica.

COSA SONO I NUTRACEUTICI E QUALE E’ IL LORO RUOLO

Il termine “nutraceutico” è stato coniato dal Dott. Stephen de Felice nel 1989 dall’ unione delle parole “nutrizione” e “farmaceutica” e rappresentano l’evoluzione dei classici integratori alimentari. Prodotti Nutraceutici sono costituenti naturali presenti negli alimenti e nelle piante che possono essere sintetizzati per creare integratori o farmaci utili per la prevenzione. Il concetto alla base quindi è come sempre la prevenzione.

I principali Nutraceutici utili per la pelle sono ad esempio:

  • I polifenoli , che spengono il processo di aging della pelle. Ad esempio la Quercitina, presente in capperi, uva e cipolla,riduce il rischio di melanoma. Oppure l’ Epigallocatechina gallato presente nel tè verde ricco di antiossidanti.
  • La Curcumina presente nella Curcuma anch’essa molto importante per prevenire l’invecchiamento cellulare causato da infiammazioni; è inoltre molto utile in caso di eczemi, psoriasi, rosacea.
  • Il coenzima Q10,fondamentale per la sintesi di ATP, fornisce energia alla cellula rendendola piu’ attiva metabolicamente, riduce l’invecchiamento e le rughe. Lo troviamo in uova, aringhe, manzo, sesamo, arachidi, cavolfiori e broccoli.
  • L’ estratto della pianta Arctium Lappa stimola la sintesi di collagene responsabile della tonicità ed elasticità della pelle.
  • Il silicio, altro costituente essenziale del collagene e contenuto nella pianta Equiseto.
  • Vitamina E con azione antirughe, idratante e lenitiva. E’ un potente antiossidante.
  • Vitamina A (Retinolo) migliora lo spessore cutaneo diminuendo la profondità della ruga.
  • Vitamina D molto importante per mantenere la pelle luminosa e il film idrolipidico in buono stato. La pelle svolge un ruolo chiave nella sintesi di questa vitamina che troviamo soprattutto nel pesce, tuorlo d’uovo e funghi porcini.
  • L’uva ursina molto utile in caso di macchie cutanee, dagli anni ’90 è studiata come drenante e dermoprotettiva.

Oltre a questi ce ne solo molti altri e nonostante alcuni siano naturalmente già presenti nei comuni alimenti, le quantità da assumere per vederne gli effetti sono molto elevate, per cui occorre arricchire questi cibi “funzionali” con acidi grassi polinsaturi essenziali come Omega 3 e Omega 6, acido folico, bioflavonoidi, carnitina, creatina, acido ascorbico, licopene, malto destrine, probiotici, sali minerali come calcio, magnesio, fluoro, sodio e zinco, carotenoidi e tanti altri.

Attenzione alle etichette che, secondo le normative stabilite dalla Comunità Europea, devono indicare la tabella dei valori nutrizionali e inoltre devono essere ben specificati i benefici che apportano all’organismo.

PREBIOTICI E MICROBIOTA CUTANEO

Oltre a curare la Disbiosi dall’ interno con alimentazione, integratori e probiotici per via orale, possiamo curare la microflora batterica della pelle, il microbiota cutaneo, anche per via topica utilizzando per esempio cosmetici arricchiti con prebiotici. Il microbiota cutaneo rappresenta la barriera della nostra pelle verso l’esterno e mantenerla in buono stato significa mantenere anche la pelle nutrita e sana. I prebiotici rappresentano il nutrimento del microbiota e andando ad applicare cosmetici che lo contengono andiamo a nutrire e ristabilire l’equilibrio della barriera cutanea.

Il prebiota Black BeeOme presenti ad esempio nella Crema Viso H24 Perfect Care è stato ricavato dalla fermentazione del miele delle rare api nere allevate in Svizzera interna e armonizza la microflora della pelle per garantire salute e pelle pura. Aiuta anche a regolare la produzione di sebo.

Un altro prebiota presente anche nella BB Cream 50+ Global Defence è Ectoina, efficace anche in presenza di sudore e quindi anche durante l’attività sportiva.

Bella dentro e bella fuori.. inizia a prenderti cura di te e della tua pelle attraverso la prevenzione!

Scopri i prodotti viso Neudren